AZ Picerno 2-0 Fidelis Andria | Tabellino e commento

AZ Picerno 2-0 Fidelis Andria

AZ Picerno 2-0 Fidelis Andria – Serie D/H 21^ Gta – Sab 06/03/2021 14:30 – Stadio “Mancinelli”, Tito (PZ)

AZ Picerno………… 2

(3-5-2): Giuliani; Girasole, Dametto, Ligorio; Origlia (78′ Koné), Guerra, Dettori, Pitarresi, Stasi; Albadoro (82′ Iadaresta), D’Angelo (85′ Finizio). A disp: Siani, Caiazza, Carnevale, Santarcangelo, Togora, Allegretto. All: Palo.

Fidelis Andria …….. 0

(3-4-1-2): Petrarca; Benvenga, Fontana (80′ Bolognese), Paparusso (46′ Monaco); Pelliccia (46′ Avantaggiato), Manzo (61′ Prinari), Dipinto, Carullo; Cerone; Cristaldi, Scaringella (57′ Figliolia). A disp: Stasi, Lacassia, Clemente, Mariano. All: Panarelli.

Goal: 6′, 72′ Albadoro (PI).

Ammoniti: 22′ Girasole (PI), 29′ D’Angelo (PI), 29′ Manzo (FA), 37′ Stasi (PI), 63′ Fontana (FA), 73′ Albadoro (PI), 90′ Finizio (PI).

Espulsi: 30′ Dettori (PI).

Arbitro:  Frosi di Treviglio.

Note: Gara a porte chiuse.

 

Contro il Picerno all’andata arrivo’ la prima sconfitta stagionale per la Fidelis Andria, unica interna nel girone d’andata, sabato scorso sul sintetico di Tito è arrivata invece la prima sconfitta del girone di ritorno. Partita brutta per la Fidelis, quasi irriconoscibile sia per la leggerezza difensiva che per la manovra confusionaria e sterile.

Il Picerno non impressiona, anzi è costantemente la Fidelis a fare la gara, ma i lucani hanno il merito di presentarsi in campo compatti e determinati. Il Picerno gioca quasi da squadra da “bassa classifica”: brutti, rissosi e che puntano al sodo. Hanno la fortuna di trovare il vantaggio dopo solo 6 minuti a causa di un errore di Fontana, che valuta sul fondo una palla invece recuperata da Guerra che la serve ad Albadoro, il quale tutto solo da due passi la gira in rete.

Dopo lo svantaggio la Fidelis Andria riprende a macinare gioco ma senza mai impensierire la porta lucana. Il match potrebbe avere la sua svolta in facore della Fidelis al 30′: dopo un parapiglia in area andriese, due ammoniti per reciproche scorrettezze (Manzo e D’Angelo) e dopo quasi 5 minuti in cui non si è giocato, l’arbitro richiamato dall’assistente espelle Dettori che stupidamente rifila un calcio a Scaringella a gioco fermo. Picerno in dieci e quello che poteva essere un vantaggio per la Fidelis si trasforma invece in un punto di forza per i lucani. La squadra del nuovo Mr Palo si schiera in blocco dietro la linea della palla e la manovra della Fidelis si infrange contro il muro del Picerno.

I ragazzi di Mr Panarelli non trovano sbocchi, solo passaggi sbagliati ecross fuori misura. Una occassione per la Fidelis arriva con un’imperioso colpo di testa di Monaco su corner, ma il portiere lucano compie il miracolo. La gara poteva cambiare in quel frangente e invece nulla. La frustazione aumenta e quando al 72′ ancora Albadoro lasciato solo in area è libero di girare a rete una punizione dalla trequarti, il match è già ai titoli di coda.

Meglio mettersi subito alle spalle questa sconfitta. Ci sono sconfitte che possono essere educative e questa deve essere una di quelle. Come dichiarato da Mr Panarelli a fine gara, forse qualcuno credeva di essere già arrivato o si è troppo specchiato o ha creduto di poter raddrizzare la gara da solo. Speriamo si tratti di due schiaffoni salutari e che si possa tornare a vedere la vera Fidelis già mercoledi’ nel recupero della 11^ giornata contro il Taranto, nella gara più sentita della stagione. Di sicuro la Fidelis Andria potrà contare su un terreno di gioco, quello dello Iacovone, degno di questo campionato, su cui si potrà giocare a calcio e dimenticare il campo in sintetico di Tito.

Clicca qui per visualizzare la classifica aggiornata del Girone H