Fidelis Andria 0-0 Nardò | Tabellino e commento

Fidelis Andria 0-0 Nardò

Fidelis Andria 0-0 Nardò – Serie D/H 12^ Gta – Dom 17/01/2021 14:30 – Stadio “Degli Ulivi”, Andria

Fidelis Andria … 0

(3-4-2-1) Anatrella; Lacassia, Fontana, Venturini; Frisenda (64′ Clemente), Manzo, Bolognese, Carullo (64′ Avantaggiato); Cerone (80′ Monaco), Prinari (73′ Russo); Scaringella. A disp: Petrarca, Tutino, Dipinto, Mariano, Lanotte.  All: Panarelli.

Nardò ………….. 0

(4-2-3-1) Milli; Zappacosta (80′ Scialpi), Stranieri, De Giorgi, Trinchera; Valzano (61′ Politi), Cancelli; Potenza, Gallo (53′ Massari), Lezzi (68′ Granado), Caputo. A disp: Mirarco, Romeo, Palazzo, Marulli, Lamacchia. All: Danucci.

Goal: -.

Ammoniti: 12′ Prinari (FA), 33′ Zappacosta (NA), 35′ De Giorgi (NA); 58′ Valzano (NA), 60′ Manzo (FA), 69′ Cerone (FA). Danucci (All. NA), Panarelli (All. FA).

Arbitro: Ursini di Pescara.

Note: Gara a porte chiuse.

 

A piccoli passi la Fidelis Andria continua nella sua serie positiva, arrivanto a sei gare consecutive senza sconfitte, e mantenendo la porta inviolata anche nel derby di medio-alta contro il Nardò. Per come si è svolta la gara, un punto che fa classifica, ma al tempo stesso un passo indietro dal punto di vista del gioco e nella costruzione della manovra.

Partiamo dai punti positivi: la difesa. Il reparto arretrato, o se volete la fase difensiva della squadra regge bene. A conti fatti, la Fidelis Andria ha la seconda difesa meno battuta del girone, solo 8 reti subite (di cui 3 su rigore) su 11 gare.

Inoltre da segnalare un Anatrella reattivo tra i pali. Se il altre occassioni le sue incertezze hanno costato punti, come contro il Sorrento o il Casarano, contro il Nardò una sua grande parata su finire della prima frazione ha salvato il risultato, così come d’altronde già avvenuto anche all’ultimo secondo a Fasano. Tutto sommato un portiere che da sicurezza al reparto nonostante la giovane età.

Punti negativi: i lanci lunghi.

Si tende troppo a scavalcare il centrocampo con lanci difficilmente gestibili dalla prima punta, la quale, trattasi di Cristaldi o come domenica scorsa di Scaringella, risulta essere troppo isoltata lì davanti. Si ha l’impressione che prima del mercato di riparazione si puntasse maggiormente sull’azione manovrata. Ora invece si punta maggiormente sull’estro dei singoli, con la conseguenza di uno scollegamento tra i reparti.

La mediana fa filtro ma costruisce poco, le mezze punte sono troppo distanti dal centravanti e si cerca troppo lo sfondamento centrale. L’arrivo a centrocampo di Monaco e Gentile dovrebbe dare maggior consistenza al reparto soprattutto in fase d’impostazione.

Sugli esterni invece si drovrebbe cercare con più insistenza l’utilizzo di Avantaggiato a sinistra, l’unico capace di saltare l’uomo, creare superiorità e sfornare assist per i sui compagni. Manca un suo speculare sulla destra. Rumors di calciomercato danno Pelliccia del Bisceglie vicino alla firma con la Fidelis, ma si attende prima di piazzare in uscita Zingaro, ormai fuori dai piani tecnici.

Domenica prossima, frutto di questo strano calendario dovuto ai rinvii per il Covid, si giocherà ancora al Degli Ulivi. Gli uomini di Mr Panarelli affronteranno la Team Altamura, probabilmente la squadra più in forma del momento. Sarà forse il caso di provare qualcosa di diverso sulla mediana e forse anche nei trequartisti.

Piccolo giallo invece in merito alla presenza in panchina di Mr Panarelli contro i biancorossi murgiani, inquanto il Giudice Sportivo a inflitto un turno di squalifica al tecnico andriese, così come Mr Danucci del Nardò. I due tecnici pero’ erano stati solo ammoniti e non espulsi nel corso del match, e non risultavano in diffida. Propabile quindi il ricorso della società biancazzurra visto che i salentini hanno già inoltrato richiesta di verifiche e approfondimenti al Giudice Sportivo.

 

Clicca qui per visualizzare la classifica aggiornata del Girone H