Fidelis Andria 1-1 Casarano | Tabellino e commento

Fidelis Andria 1-1 Casarano

Fidelis Andria 1-1 Casarano – Serie D/H 8^ Gta – Dom 20/12/2020 14:30 – Stadio “Degli Ulivi”, Andria

Fidelis Andria … 1

(3-4-2-1) Anatrella; Lacassia (46′ Tutino), Fontana, Venturini; Avantaggiato (65′ Mariano), Manzo, Bolognese, Carullo (93′ Zingaro); Cerone, Russo (61′ Prinari); Cristaldi. A disp: Petrarca, Carretta, Di Pinto, Notaristefano, Atif. All: Panarelli.

Casarano ……… 1

(4-3-1-2) Guido; Pagliai, Lobjanidze, Benvenga, Versienti; Giacomarro, Atteo (80′ Onda), Feola; Sansone (82′ Bruno); Favetta (72′ El Ouazni), Rodriguez (65′ Negro). A disp: D’Ancona, Tascone, Pedicone, Mincica, D’Andria. All: Feola.

Goal: 23′ Manzo (FA); 78′ Sansone (CA).

Ammoniti: 8′ Benvenga (CA), 17′ Russo (FA), 32′ Rodriguez (CA); 69′ Versienti (CA).

Espulsi: 76′ Versienti (CA) per doppia ammonizione.

Arbitro: Rosario Luongo di Napoli.

Note: Gara a porte chiuse.

 

Bel derby al Degli Ulivi tra Fidelis Andria e Casarano. Ritmo alto, buone trame di gioco e due squadre che combattono a viso aperto al di là delle differenti ambizioni di classifica e tasso tecnico.

Da un lato la Fidelis Andria ha voglia di dare continuità ai risultati dopo due vittorie consecutive. Dall’altro il Casarano, con l’organico più quotato del girone, che vuole riprendere la corsa per la vetta dopo qualche battuta d’arresto.

In campo la differenza di tasso tecnico si percepisce, ma la Fidelis Andria sopperisce con l’agonismo e la tattica, senza pero’ disprezzare di giocare la palla. Mr Panarelli è obbligato a schierare lo stesso 11 di partenza vittorioso ad Aversa, dovendo rinunciare anche a Paparusso infortunatosi nella rifinitura. In panchina torna Prinari dopo il lungo stop.

Si parte subito forte, il gioco e l’intensità non sono da Serie D. Si percepisce da subito la pericolosità dei salentini non appena accelerano col tridente Favetta-Rodriguez-Sansone. Ma gli uomini di Panarelli spingono costantemente soprattutto sulla destra con Avantaggiato.

Il vantaggio arriva al 23′ con capitan Manzo che dal limite lascia partire un tiro forte e preciso, dopo uno precedentemente respinto, che impatta la faccia interna del palo alla sinistra di Guido e termina in rete. Il resto del tempo sfila piacevolmente tra costanti capovolgimento di fronte.

La ripresa parte con la costante pressione del Casarano, ma senza che la compagine di Mr Feola riesca a impensierire particolarmente la difesa andriese, ben guidata da Fontana e Venturini. Lacassia è costretto a dare forfait nell’intervallo per un problema muscolare. Panarelli arretra Carullo in difesa a sinistra, fa entrare Tutino come esterno destro e sposta Avantaggiato a sinistra.

Ma proprio quando si pensava che il match potesse semplificarsi per la Fidelis Andria con l’espulsione per doppio giallo di Versienti al 76′, è Sansone dopo appena due minuti a inventarsi il pareggio su una bella girata in diagonale da dentro l’area andriese. Tiro improvviso e insidioso ma non irresistibile che si insacca grazie a l’errore di Anatrella che si lascia sfilare il pallone tra le mani.

Il finale di gara rivede i biancazzurri cercare di più il gol vittoria approfittando del vantaggio numerico, specialmente col neo entrato Prinari, ma le sue conclusioni, e quelle di Cerone, sono imprecise.

Pareggio che va stretto alla Fidelis Andria proprio per come sia fortunosamente arrivato il gol del Casarano nel finale di gara. Ma anche un punto che dimostra come questa squadra possa giocarsela con chiunque, nonostante il fatto di avere gli uomini contati.

A preoccupare è infatti la panchina corta e le poche scelte over per Panarelli, vista anche l’indisponibilità di Gogowski per ragioni familiari. Tra tre giorni si torna in campo a Fasano per il turno pre-natalizio e Mr Panarelli dovrà inventarsi qualcosa tra uomini contati e match ravvicinato.

Clicca qui per visualizzare la classifica aggiornata del Girone H