Viareggio 1-0 Andria | L’Andria non affonda il colpo e viene punita a tempo scaduto. Che spreco!

Che gran spreco ragazzi! Ci sono campi in cui o per un motivo o per un altro non riusciamo mai a far punti. Il “Bresciani” di Viareggio è sicuramente uno di questi e Viareggio-Andria di ieri lo ha dimostrato.

Quando tutto sembrava portare questa gara sonnolenta e poco vibrante verso l’ormai scontato pareggio a reti bianche, ecco la beffa al secondo minuto di recupero. Una innocua palla lisciata, difesa addormentata e veniamo sconfitti per 1 a 0.

Solo sfortuna? Non direi proprio, perchè se è vero che contro il Sorrento siamo stati bravi e determinati riuscendo nell’impresa di portare a casa i tre punti con un gol a tempo scaduto, è altrettanto vero che ieri a Viareggio siamo stati veramente polli nel farci soffiare sotto il naso un importante punto in trasferta, che anzi fino a quel momento ci stava anche stretto. Si sa che per vincere bisogna segnare, e se fai tanto gioco ma non metti la palla in porta, la maggior parte delle volte rischi di perdere… e così è stato ieri.

Purtroppo cominciano ad emergere alcuni limiti di questa squadra dalla cintola in su. Sinceramente non mi sento di incolpare di ciò Mr Cosco, il quale anzi al ’24 della ripresa tira fuori Larosa inserendo Maccan, dando alla squadra il chiaro segnale di voler vincere la partita. Ma in campo non va lui e se i suoi uomini lo abbandonano con una prestazione svogliata nel secondo tempo, c’è da aspettarsi che gli avversari reduci da una sconfitta e giocando in casa non molleranno fino alla fine. Se poi ci aggiungi un campo zuppo e scivoloso e la mega dormita della difesa al ’92, ecco che il danno è fatto. Già proprio quella difesa che finora era stata una certezza, ieri ha avuto una enorme calo di concentrazione in occasione della punizione a tempo scaduto di Giovinco.

Se avete visto il video della gara, e se non l’avete visto vi invito a farlo, noterete come in occasione del gol vittoria del Viareggio, in seguito alla punizione dalla trequarti, peraltro mal calciata, la palla viene malamente lisciata di testa da Innocenti, forse a causa di un rimbalzo fasullo, mettendo in controtempo la difesa azzurra e permettendo a De Vena di battere sul tempo Scrugli e colpire di testa da distanza ravvicinata. A quel punto Rossi compie il miracolo deviando sulla traversa, ma l’errore gravissimo difensivo é che a quel punto non c’è nessun difensore pronto a respingere quella palla che rimbalza beffardamente il porta, senza considerare che ben cinque giocatori toscani erano comunque stati lasciati liberi e pronti di ribattere in rete. Mi chiedo: possibile essere così leggeri sulle marcature da calcio piazzato quando ormai si è al secondo minuto di recupero? Tutta e sola colpa della deviazione maldestra di Innocenti?

Comunque, probabilmente tutto questo non sarebbe accaduto se avessimo meglio sfruttato il buon possesso palla e il gioco creato. Purtroppo quello che emerge e che quando siamo in area avversaria ci facciamo prendere dalla frenesia e sbagliamo tutto malamente. Otto gol subiti in dieci gare sono una buona media. Otto gol realizzati in dieci gare invece sono una media pessima! Credo proprio sia lì il nocciolo della questione, nell’attacco poco prolifico.

Spero solo che questa gara serva da insegnamento ai ragazzi e che certi errori non si ripetano, perchè proprio non possiamo permetterci di gettare al vento punti così. E a Viareggio secondo me ne abbiamo buttati via tre!

Forza Andria!

 

(Le immagini presenti nel post sono tratte da www.viareggino.com)

 

Cosa ne pensi? Esprimi il tuo parere commentando il post.

Gli ultimi post:

[post_list name=”simpleAttachmentList_10″]