Solo un anno fa l’Andria eravamo noi… e oggi come sono considerati i tifosi?

In tema di ricordi dell’ultimo anno, mi è venuto in mente questa frase:

“RiparTIamo Insieme! L’ANDRIA SIAMO TUTTI NOI !”

Qualcuno la ricorda? E’ lo slogan utilizzato dall’AS Andria per la Campagna Abbonamenti 2011/12, in cui si puntava sul senso di appartenenza dei tifosi, facendo intendere che i tifosi sono parte integrante del progetto Andria Calcio.

Ma oggi? Cos’è successo dopo solo un anno? Dove sono i tifosi nei pensieri della dirigenza dell’Andria?

Direi, senza troppi dubbi, che di certo non sono in cima ai pensieri della dirigenza andriese. Diciamo pure che non perdono il sonno al pensiero che chi tifa Andria sta vivendo l’ennesima estate tribolata.

A cosa mi riferisco con esattezza? Semplicemente al fatto che nonostante le difficoltà e la situazione veramente difficile e il futuro nero all’orizzonte, ritengo comunque scandaloso che non ci sia stato un solo comunicato ufficiale, che dia spiegazione “al popolo” dell’attuale situazione dell’AS Andria. Il dubbio forte è che non si danno chiarimenti perchè ci si “esporrebbe” troppo e trovare giustificazioni plausibili sarebbe alquanto complicato.

A tal proposito, inviterei chi in seno al club delegato e a tale funzione, a dare un attento sguardo al comunicato odierno dell’US Foggia, club in una grave situazione debitoria e che come noi ha presentato domanda d’iscrizione al prossimo campionato di I Divisione priva di fidejussione, per rendersi conto che basterebbe veramente poco per rispettare la propria tifoseria, dando una sincera e dettagliata spiegazione dell’attuale  situazione societaria.

Perchè, se qualcuno se lo fosse scordato L’ANDRIA SIAMO TUTTI NOI !” non solo quando bisogna chiedere (soldi), ma anche quando bisogna dare (rispetto). Basterebbe veramente poco.



Cosa ne pensi? Esprimi il tuo parere commentando il post.

 

Gli ultimi post:

[postsbycategories array1cat=”blog” sortby=”date” order=”DESC” posts_per_page=”10″]