L’Andria riparte con Attomonelli presidente “in pectore”

Il prossimo presidente dell'AS Andria, Gianni Attimonelli. Fonte immagine www.domaniandriese.it

Ed eccoci qua, al primo post della nuova stagione. E già, da giovedì scorso è partita la stagione 2012/13 della nostra amata AS Andria! Una partenza insperata, acciuffata per i capelli a solo 4 minuti dalla scadenza per la presentazione del ricorso alla Lega con relativa garanzia fidejussoria. Soli 4 minuti in più e tutto sarebbe stato caput… finito!

Ma dai… ma non prendiamoci in giro!

Il prossimo presidente dell'AS Andria, Gianni Attimonelli. Fonte immagine www.domaniandriese.it

Sono impazzito? Ma no, parliamo solo di pallone. Però anno nuovo, vita nuova. Dopo un’anno di esperienza col blog, ho deciso di dare un cambio alla linea editoriale di AndriaFidelisBlog. Niente giri di parole, niente discorsi politically correct. Questa non è una testata giornalistica con le sue dinamiche e i suoi “occhi di riguardo”. Questo è un blog, un semplice e misero blog indipendente, la pura espressione del mio pensiero “digitalizzato”. Giusto o sbagliato che sia, è un punto di vista… il mio, non il migliore per carità, ma l’obiettivo è quello di creare una base su cui ragionare, e chi vuole confrontarsi e discutere di calcio qui troverà sempre la porta aperta.

Il modo di pensare andriese è fin troppo conformista per avere un’altra voce che dice cose ovvie e già sentite. Per non parlare poi della scarsa propensione al dibattito di parte della tifoseria, del tipo “è così e basta, minn u firr!”. Sinceramente le scenette viste in questi giorni da parte dei pezzi grossi, nonchè le battaglie fratricide in seno agli appassionati dell’Andria, mi hanno dato il volta stomaco ed è questa la ragione principale del mio “silenzio”. Ma ora che quella fase così poco edificante è finita, torno a scrivere.

Quindi schiettezza e anticonformismo, ed è per questo che dico che alla storia della non iscrizione non ci ho creduto molto. Certo quando ci sei dentro, immerso fino al collo, un pò di panico ti viene, ma francamente non ritenevo e non ritengo possibile che in una città con una base imprenditoriale come Andria, una fidejussione di 600 mila euro potesse costituire un impedimento per l’iscrizione. Diciamo che ci è stato un lecito, se si vuole, gioco delle parti. Quali parti? La parte che vende (Fusiello), e la parte che compra (Attimonelli).

Tutti gli altri nomi che si sono fatti? Solo voci messe in giro ad arte per depistare, per prendere tempo, per far scrivere, per contrattare! Ma poi secondo voi, possibile che la famiglia Attimonelli si avvicina all’AS Andria, anzi si riavvicina, solo per parteciparvi in maniera defilata, per essere una piccola parte e per non volere in alcun modo la presidenza del club?!

Infatti si è visto com’è andata a finire: con gli Attimonelli che mettono sul tavolo ben 500 mila euro, che lasceranno la presidenza a Fusiello solo fino all’appianamento dei debiti, per poi entrare a pieno titolo al vertice dirigenziale in forza della loro quota di maggioranza. Ma mi permetto di dire che era ovvio finisse così conoscendo la storia recente dell’Andria. Attimonelli che questa squadra l’ha creata nel 2005 per poi esserne estromesso, non aspettava altro che rientrarvi ed ha, con fiuto imprenditoriale, giustamente approfittato delle difficoltà del proprio concorrente.

La mia personale sensazione è che si è fatto troppo rumore per una situazione che ha avuto un finale prevedibile. Però bisogna ammettere che si è stati bravi a far rumore appunto, attirando attenzioni, soprattutto dei tifosi, che da par loro hanno risposto “presente” con le loro donazioni, e non nego che mi sono venuti i brividi quando ho sentito qualcuno chiamare quest’iniziativa col nome di “azionariato popolare”. Siamo seri e non diciamo eresie.

Ad ogni modo. Giovedì è giunta l’ufficialità dell’iscrizione alla prossima I Divisione. Quindi si parte, in ritardo, ma si parte. Il 9 Agosto saranno presentati i calendari in attesa dell’ufficializzazione dei gironi, che quest’anno avranno una divisione Nord/Sud, e dell’esordio nella Tim Cup del 5 Agosto.

Siamo tutti in attesa che la società si organizzi nel minor tempo possibile, e sinceramente spero che al di là del tempo perso, qualche idea tecnica e organizzativa già l’abbiamo chiara i testa. Ma vi dirò che sono anche “contento” di quest’estate rovente, nella speranza che serva per resettare tutti gli errori commessi fin ora dalla precedente dirigenza. Spero non si tratti dell’ennesima occasione persa, spero che Attimonelli rimetta i tifosi, la comunicazione e la trasparenza al centro della propria attività.

Francamente non mi aspetto grandi soddisfazioni sportive dalla prossima stagione visto che partiamo già con un forte ritardo, ma migliorare l’approssimativismo della precedente gestione invece sì… e ci vuole veramente poco!

Forza Andria sempre!



Cosa ne pensi? Esprimi il tuo parere commentando il post.

 

Gli ultimi post:

  • 13 August, 2019 - Serie D/H 19/20: Calendario Fidelis Andria

  • 27 July, 2019 - Campagna abbonamenti Fidelis Andria 19/20

  • 23 July, 2019 - Calciomercato Fidelis Andria 19/20

  • 18 July, 2019 - La Fidelis Andria parte per il ritiro di Alfedena. Al via la stagione 19/20

  • 1 July, 2019 - AFB: ci stiamo allenando…

  • 26 November, 2018 - Fidelis Andria 2-0 Gragnano: 1-2 Bartoletti ed è nono risultato utile consecutivo!

  • 12 November, 2018 - Audace Cerignola 1-1 Fidelis Andria: la vittoria nel derby sfuma nel finale

  • 5 November, 2018 - Fidelis Andria 2-0 Pomigliano: terza vittoria consecutiva e 13 punti nelle ultime cinque gare

  • 29 October, 2018 - Taranto 1-3 Fidelis Andria: tre gol in trasferta alla capolista non si fanno per caso!

  • 26 October, 2018 - Presentato il nuovo organigramma della Fidelis Andria 2018