Andria 3 Südtirol 1: Risvegli di primavera

E’ primavera, i campi rifioriscono, gli uccellini volano alti in cielo, la natura rinasce, i sensi si risvegliano… e l’Andria torna a vincere. Se è vero che una rondine in genere non fa primavera, forse due cominciano a fare un indizio.

E già, il cambio stagionale ha portato nuova vita alla truppa di Mr Cosco. Seconda Domenica di primavera e seconda vittoria consecutiva per la nostra Andria, ovvero 6 punti in due gare, cosa mai avvenuta finora quest’anno, ma anche una rinata prolificità sotto porta e una difesa blindata con ben 5 reti messe a segno e solo 1 subita.

Secondo Domenica consecutiva con abbraccio a centrocampo... ci piace!

Che dire ragazzi, l’Andria quest’anno proprio non finisce mai di sorprenderci, nel male molto spesso, ma qualche volta anche nel bene. Infatti, proprio quando pensavamo solo due settimane fa, ed io per primo, che la stagione fosse ormai irrimediabilmente compromessa, non tanto per le gare restanti, comunque in numero cospicuo, quanto per la disarmante “apatia” del gioco espresso dalla squadra dopo due sconfitte interne consecutive contro Lanciano e Latina, oggi dobbiamo tutti ricrederci. L’Andria ha piazzato con gran scioltezza due vittorie consecutive in un momento cruciale della stagione, riaprendo il nostro campionato.

Dopo la gara persa col Latina al Degli Ulivi, avevamo solo un punto sull’ultima e ben cinque di ritardo sulla zona salvezza. Oggi dopo il Südtirol e la prima vittoria in esterna di Domenica scorsa a Bassano, abbiamo ben sei punti sull’ultima e siamo solo ad un punto dalla salvezza diretta.

Era un po’ di tempo che molti non avevano più voglia di parlare di tattica, asserendo che era inutile vista la gran confusione in seno alla società. Invece bisogna dar atto alla squadra di gran impegno, ed in particolare al Mister che con scelte tattiche coraggiose e poco scontate, ha conquistato queste due vittorie consecutive, che ci permettono di presentarci Mercoledì prossimo a Piacenza con un umore e una convinzione nei propri mezzi ben diversi rispetto a poco tempo fa.

Scegliere di giocare senza una punta centrale di peso non era facile. Continuar a dar fiducia a Del Core nonostante le sue prove apatiche non era facile. E poi ha finalmente deciso di impiegare Minesso dal primo minuto, che personalmente spero continui a giocar titolare, perché gol come quello che ha messo a segno ieri, non si vedono spesso sui campi di I Divisione.

La sequenza dello splendido gol di Minesso del temporaneo 2 a0

Campionato riaperto quindi, ma noi dobbiamo assolutamente continuare su questa strada e non distrarci o specchiarci troppo, perché se è vero, com’è vero, che con queste ultime prestazioni abbiamo compiuto qualcosa di impensabile, è altrettanto vero che in questa stagione abbiamo troppe volte dimostrato tutti i nostri limiti tecnici, tattici e mentali.

A Piacenza quindi dobbiamo assolutamente continuare a progredire evitando disastrose ricadute, magari sfruttando la scia positiva e portando a casa un risultato importante, considerando anche che dopo Pasqua si va ancora in trasferta contro la Feralpisalò, per tornare a giocare al Degli Ulivi solo il 22 di Aprile contro un agguerrito Siracusa.

Per fortuna dobbiamo aspettare solo due giorni per aver riprova degli effettivi progressi compiuti dall’Andria. Perciò Mercoledì sera tutti davanti a TV e PC per quella che sembra essere una nuova gara della svolta… l’ennesima in questa stagione non adatta ai deboli di cuore.

Forza Andria!

 

 

Cosa ne pensi? Esprimi il tuo parere commentando il post.

 

Potresti anche essere interessato a:

[get_latest_post]