Bassano 0 Andria 2: Prima vittoria esterna stagionale… era ora!

Finalmente… doveva arrivare prima o poi! Direi proprio che alla 28a giornata eravamo decisamente pronti e maturi abbastanza per “perdere la nostra verginità” in fatto di vittorie in trasferta. Oggi abbiamo fatto la nostra degna partita, non abbiamo incantato, ma i tre punti ce li siamo assolutamente meritati. Tre punti che valgono “sei” perchè conquistati contro una nostra direttissima concorrente per la lotta salvezza e che spingiamo a 4 punti di distanza.

Ci siamo ripresi i “sei” punti che ci ha tolto il Latina, e che non meritavamo di perdere per le occasioni prodotte, ma che se continuiamo con le ingenuità difensive, ci sta anche perderli.

I festeggiamenti a fine gara

Oggi invece niente sbavature, nonostante la formazione “inventata” da Mr Cosco. Fuori le punte centrali (Gambino o La Mantia) e dentro tanti brevilinei veloci come Del Core, Minesso, Ballardini, Russo e poi Taormina e Loiodice, oltre ad un inedito La Rosa terzino destro. Ottima la prova di Ballardini, corsa e personalità, così come molto dinamici i minuti finali giocati da Taormina (assolutamente un ottimo innesto del mercato di Gennaio), e da Loiodice, bravo a saltare l’avversario e piazzare in rete per il suo primo gol in un campionato professionistico.

Ma oggi si è capita un’altra cosa, e cioè che dobbiamo assolutamente giocare con la coppia Cossentino-Zaffagnini in difesa, perchè un Mucciante con un ginocchio e mezzo davvero non è proponibile. Purtoppo in queste condizioni Mucciante non ha il passo, è troppo limitato dai problemi fisici, e anche in una gara ben giocata dalla squadra come quella di Domenica scorsa contro il Latina, è bastato un Jefferson entrato in campo da pochi secondi e dopo un lungo infortunio, per bersi senza batter ciglio, quasi come uno shot al bar, la sua marcatura e piazzare la palla senza problemi.

Purtroppo non siamo una squadra che segna molto, e soprattutto ultimamente abbiamo fatto gran fatica ad andare in rete, sbloccandoci solo oggi dopo tre turni con un bello 0 nel tabellino delle rete segnate, e quindi basta un solo gol a partita, così come successo negli ultimi tre turni, per metterci maledettamente in crisi. Quindi in difesa dovrebbe giocare solo chi è in piena forma fisica, magari anche se non propriamente di ruolo, ma almeno pronto dal punto di vista atletico.

Un redivivo Del Core oggi MVP del match

Ma toglietemi una curiosità: ma quello era veramente Del Core? Era veramente lui a segnare il primo gol, difendendo la sua posizione di peso senza cadere, e che freddamente ha superato il portiere? Era lui che ha dato quell’assist filtrante per il raddoppio di Loiodice? Era sempre lui a tentare sul finale la doppietta personale con tiro a volo da fuori area dopo aver superato l’avversario con un pallonetto?

Sì era lui…ma allora finora dove si era nascosto. Forse sarà stato l’arrivo della primavera a far risvegliare Del Core dopo il lungo letargo invernale, con l’ultimo gol messo a segno ben 11 giornate fa a Portogruaro. Speriamo che sia un buon presagio per il finale di stagione… abbiamo assolutamente bisogno di un Del Core così, che oggi da solo ha sostenuto l’intero attacco dell’Andria!

Prima della gara mi son detto “oggi voglio un bel 2 a 0, una vittoria risicata non mi basta!”. Allora massima soddisfazione per questa vittoria… e invece no! In realtà è stata proprio la buona prestazione a farmi sentire “insoddisfatto”. Lo so è un controsenso, ma in me c’è tanto rammarico per le tante occasioni gettate al vento quest’anno, per le tantissime occasioni sprecate… per l’essersi masochisticamente rovinati un’intera stagione.

Certo qualcuno dirà che il “Bassano è una squadra scarsa e che se non vincevamo con questi…”. Forse, ma non me sono convinto in pieno, perchè vincere una gara così importante in trasferta, contro una diretta concorrente e sfoggiando una prestazione  di livello, non era affatto facile. Inoltre non dimentichiamoci i nostri avversari odierni solo 7 giorni fa sono scesi a Siracusa “rischiando” di portarsi a casa tre punti contro la seconda forza del campionato.

Io in realtà continuo a pensare che i giocatori che compongono la nostra squadra non sono così “scarsi”, ma che il modo in cui sono stati assortiti e gestiti non ha fruttato. Torno a dire che la gestione quest’anno ha lasciato molto a desiderare (per essere eufemistici). Per un intero girone d’andata abbiamo giocato sempre e solo con gli stessi giocatori, molto spesso fuori luogo. Forse Cosco avrebbe potuto far di più, ma certo non è facile subentrare a Gennaio in una squadra con il morale sotto i piedi e lo spogliatoio spaccato.

Ma vediamo positivo. Vediamo che abbiam messo 4 punti tra noi e la retrocessione diretta, e che ci siamo rimessi in carreggiata per la salvezza diretta, che oggi è a soli 3 punti. Nei prossimi 10 giorni abbiamo 2 gare, in casa contro il Südtirol e in trasferta a Piacenza nel turno infrasettimanale prepasquale, che se giocati non la stessa intensità ed attenzione di oggi, potrebbero darci un’ulteriore iniezione di fiducia per centrare l’obiettivo… che rimane la salvezza diretta.

Che dire, la prima volta non si scorda mai e poi in genere si prende gusto e si ha subito voglia di rifarlo… cioè di rivincere in trasferta.

 

 

Cosa ne pensi? Esprimi il tuo parere commentando il post.

 

Potresti anche essere interessato a:

[get_latest_post]