Turnover? No grazie, qualche cambio è più che sufficiente

 

Già nell’immediato post partita di Andria v Prato è cominciata a circolare una “strana” voce, almeno strana per quel che mi riguarda, che parlava di turnover (???) in casa Andria in vista della trasferta infrasettimanale di Carrara.

Mi sfugge qualcosa, ma mi sembrava che anche contro la Carrarese ci siano tre bei punti in ballo, o no? Mi sfugge qualcosa, ma non mi sembra che siamo il Real Madrid o il Manchester United, da permetterci di usare con tanta non-chalace la parola “turnover”!

A me sembra abbastanza evidente che Mr Di Meo conta fedelmente su di una “cerchia abbastanza ristretta” di giocatori in rosa, che sono quelli che evidentemente gli danno maggiori sicurezze. Quindi parlare di turnover come se fossimo una grande squadra con un parco giocatori intercambiabile, soprattutto perché non abbiamo defezioni disciplinari o legate a motivi fisici in vista di Carrara, mi sembra quanto meno fuori luogo, e spero vivamente che il Mister non abbia di queste intenzioni.

Forse qualcuno persa che giocando di Mercoledì si tratti di una partitella di Coppa?

Tanto per farci due chiacchiere tra amici e analizzando le formazioni scese in campo finora, Mr Di Meo ha sempre schierato, almeno quando ha potuto averli a disposizione, un numero ben preciso di calciatori, che formano l’ossatura di questa squadra. Tralasciando per un attimo la questione portiere, infatti ma da oggi si apre un nuovo capitolo in quel ruolo, vista la squalifica che ha colpito Spadavecchia, in difesa Mr Di Meo fa cieco affidamento sulla coppia Mucciante-Cossentino come centrali e su Pierotti esterno. A centrocampo Paolucci è inamovibile, mentre in attacco c’è la coppia sempre presente in queste giornate Innocenti-Del Core. Oltre a questi sei giocatori, ve ne sono altri due che in queste prime uscite si sono guadagnati di diritto i gradi di titolari, dato le ottime prove fornite. Trattasi di Comini e Meccariello, che con due gol a testa sono anche i capocannonieri della squadra.

Quindi diciamo che in quest’ottica la difesa a quattro è fatta, Pierotti-Cossentino-Mucciante-Meccariello. Ora considerato che Cossentino s’è riposato nello scorso turno in cui era squalificato e Meccariello a vent’anni credo riesca a giocare due partire a distanza di tre giorni, forse Mr Di Meo potrebbe concedere una pausa a Mucciante, sempre presente finora tranne che all’esordio di La Spezia, visto che Zaffagnini ha fatto bene contro il Prato. Forse potrebbe tenere ai box Capitan Pierotti, visti i suoi tempi di recupero più lunghi data “l’età”. Ma mi chiedo, è così prolifico cambiare un assetto ben collaudato e in un reparto così delicato come la difesa? Se turnover ci dovrà essere in difesa spero che riguardi solo un uomo; De Giorgi al posto di Pierotti potrebbe essere un’ipotesi plausibile, visto l’ampio l’utilizzo del giovane terzino ex Nardo in quest’inizio di stagione.

Questione centrocampo: qui si aprono nuovi scenari perché la squalifica di Spadavecchia e lo schieramento tra i pali dell’Under Ragni e la conferma di Meccariello in difesa, offre “paradossalmente” maggior libertà al Mister. Direi che qui potrebbe benissimo partire titolare Caremi così come avvenuto Domenica scorsa contro il Prato, anche per fargli prendere il ritmo partita. Ciò che invece non mi è risultato chiaro nell’ultima gara è stata la sua sostituzione con Larosa e l’esclusione di Arini. Quindi a centrocampo non vedo perché rinunciare a Paolucci-Caremi/Arini.

Ma passiamo all’attacco e qui la questione si complica perché ci sono due questioni delicate da valutare. La prima riguarda l’impiego intensivo avuto finora da Innocenti: sei gare su sei e sempre tutti i 90 minuti giocati e quasi 37 anni sul groppone (anche se ottimamente portati… e lo dico con una “leggera” invidia). La seconda invece riguarda le ultime prove opache di Del Core.

Probabilmente questo è il reparto in cui il turnover avrebbe più senso ed efficacia. Anche se a malincuore, viste le sue ottime prove, non mi scandalizzerei se Innocenti partisse dalla panchina, e si incominciasse ad inserire Gambino nella squadra “titolare”. Ritengo che l’ex Teramo possa essere un ottima alternativa in attacco; uno che nelle ultime due stagioni ha fatto 19 gol di media, anche se in Serie D, è comunque uno che una certa familiarità col gol ce l’ha, e mi sembra uno spreco vederlo sempre relegato in panchina.

Se per Innocenti il cambio sarebbe più preventivo che altro, visto che le sue performance sono sempre caratterizzate dalla grande intensità, per Del Core invece in cambio sarebbe più curativo, in quanto la seconda punta biancazzurra sta accusando un po’ di stanchezza. A inizio stagione ritenevo che la sua alternativa fosse Berretti, ma visto che il giocatore ex Taranto ha giocato solo 32 minuti quest’anno per poi essere sostituito da Comini nel Derby di Barletta, e non è stato più portato neanche in panchina da Mr Di Meo dopo di allora, non saprei proprio chi possa essere l’alternativa a Del Core.

Come esterni invece vedrei invece più che bene la coppia Comini-Minesso.

In definitiva, senza contare il volto nuovo di Ragni tra i pali, il turnover dovrebbe riguardare 3/4 giocatori al massimo, sia per non stravolgere la fisionomia della squadra, sia perché non abbiamo un parco giocatori tale da permetterci grandi cambiamenti, che molto spesso mal riesce anche ai grandi club che potrebbero permetterselo, ma soprattutto perchè “anche “ contro la Carrarese ci sono in palio 3 punti… fondamentali per la salvezza dell’Andria.

 

Potresti anche essere interessato a:

Sentenza Commissione Disciplinare: Squalifica di 3 anni e 3 mesi per Spadavecchia

Carrarese v Andria: Senza respiro, di nuovo in campo

Andria 1 Prato 0: Tre punti e sofferenza in una domenica carica di emozione

Il Procuratore Palazzi chiede quattro anni di squalifica per Spadavecchia