Andria 1 Prato 0: Tre punti e sofferenza in una domenica carica di emozione

Report: Andria 1 Prato 0

Lega Pro 2011/12 – I Divisione/B – 6a Giornata Andata
Dom 9 Ott 2011 h15:00
Andria, Stadio Degli Ulivi

 

 

Andria: 1 Spadavecchia, 2 Meccariello, 3 Pierotti, 4 Caremi (50′ 15 Larosa), 5 Zaffagnini, 6 Mucciante, 7 Loiodice (74′ 14 Evangelisti), 8 Paolucci, 9 Del Core (74′ 18 Minesso), 10 Innocenti, 11 Comini. Panchina: 12 Ragni, 13 De Giorgi, 16 Manco, 17 Gambino. Allenatore: Di Meo

Prato: 1 Layeni, 2 Manucci, 3 De Agostini, 4 Fogaroli  (46′ 15 Cavagna), 5 Serafini, 6 Patacchiola, 7 Gori, 8 Geroni (72′ 16 Piantoni), 6 Pesenti (46′ 17 Alberti), 10 Silva Reis, 11 Benedetti. Panchina: 12 D’Oria, 13 Baresi, 14 Sacenti, 18 Marongiù. Allenatore: Esposito

Gol: 2′ Meccariello (A)

Ammoniti: 45′ Benedetti (P), 64′ Larosa (A)

Arbitro: Todaro di Palermo

Spettatori: 2.419 (fonte www.stadiapostcards.com)

 

Ci sono partite in cui giochi di fino e perdi, altre in cui arranchi e vinci! Quella contro il Prato fa sicuramente parte della seconda categoria. Più che di una partita di calcio si è trattato piuttosto di una battaglia, in cui il campo pesante per la pioggia caduta ha notevolmente condizionato la gara.

Avevo una maledetta paura di questa partita. Teoricamente sembrava la più abbordabile finora, ma nella pratica, e il campo l’ha dimostrato, è stato l’opposto, risultando una delle gare più dure disputate di quest’inizio di campionato, contro un’avversario affamato di punti. Messe da parte le raffinatezze estetiche, ciò che ha fatto la differenza in una battaglia fisica è stata la capacità di mettere la palla in rete… e l’Andria in questo ha primeggiato, anche con un pò di fortuna.

Maglia commemorativa dell'AS Andria con lo stemma della città di Barletta listato a lutto. Fonte immagine www.madeinandria.it

Sotto un cielo plumbleo, triste e in sintonia un pò con l’umore di molti e col minuto di raccoglimento per le vittime di Barletta, l’Andria scende in campo con una maglia commemorativa, che in segno di vicinanza e cordoglio verso la comunità barlettana, esponeva al posto dello sponsor lo stemma della città di Barletta listato a lutto. (Qui di fianco una bella immagine della maglia pubblicata su www.madeinandria.it)

Con l’emozione ancora viva addosso, sono bastati due giri di lancette e al secondo minuto di gioco Meccariello porta l’Andria in vantaggio. “Mec” mette a segno in suo secondo gol stagionale, il secondo consecutivo per l’Andria al Degli Ulivi e anche il secondo a valere 3 punti dopo quello in rimonta contro la Triestina. Che dire, questo “difensore” di soli 20 anni ha sicuramente il tempo dell’inserimento in area avversaria! Il tutto è nato da uno schema su calcio piazzato battuto da un Caremi, all’esordio stagionale il campionato, indirizzato ad uno smarcato Del Core che ha prontamente rimesso a centro area per l’accorrente Meccariello che non ha avuto difficoltà ad insaccare da pochi metri.

1 a 0 e palla al centro. Si pensa ad una gara da gestire in scioltezza ed invece non è così. Non oggi almeno contro un Prato così agguerrito e dall’alto tasso fisico. Non con un campo così pesante che ti sfianca e non ti permette di far calcoli. Non se sbagli tanto sotto porta, e se gli avversari si fanno davvero pericolosi nei vari capovolgimenti di fronte che si sono susseguiti.

Alla fine è giusto dire che se oggi abbiamo portato a casa 3 punti “importantissimi”, anche perchè ottenuti contro una diretta concorrente nella lotta salvezza, dobbiamo ringraziare la fortuna, un pò l’imprecisione degli avversari, ma anche e soprattutto un “immenso” Spadavecchia, che con un paio di interventi Kamikaze, ha mantenuto la porta imbattuta, dimostrando grande professionalità, nonchè grande serenità mentale dopo il ciclone che gli si sta abbattendo addosso proprio in questi giorni. Che dire, davvero fondamentale per l’Andria in quest’avvio di campionato… quasi un attaccante aggiunto, per aver effettuato parate che valgono quanto un gol!

Il Prato non meritava la sconfitta, ha dimostrato grande tenacia, a dimostrazione che il posto in classifica occupato finora non è veritiero (basti guardare la netta vittoria dello scorso turno contro la capolista Pergocrema). Ma l’Andria da canto suo ha portato a casa, pur soffrendo, il risultato pieno e lasciatemi dire che questo è quello che fanno le grandi squadre quando non riescono ad esprimersi al meglio. Pensate ai 3 punti portati via dal Degli Ulivi dalla Cremonese.

Sia chiaro, l’Andria ha i suoi limiti, ma è anche vedo che da anni non avevamo un inizio così positivo, e 9 punti dopo 6 gare, perdendo solo una volta e anche in maniera discutibile, andando a segno con continuità nelle ultime 4 partite e tenendo testa ad avversari importanti, sono sicuramente segnali importanti per quest’avvio di stagione.

Come dicevo i limiti ci sono, ma è anche vero che c’è una gran personalità e forza di gruppo che sopperisce alle carenze tecniche. Certo non saranno sempre rose e fiori, ma è sicuro che i punti immagazzinati finora danno una certa tranquillità mentale che permetterà a Mr Di Meo di lavorare più serenamente sull’aspetto tattico.

Primi segnali in tal senso sono arrivati già contro il Prato. Caremi in campo dal primo minuto ha sicuramente dato maggior spessore al centrocampo, anche se sfiancato dal ritardo di preparazione e dal campo pesante, ha dovuto essere sostituito dopo 50′ di gioco. La difesa regge anche senza lo squalificato Cossentino, Innocenti in avanti fa reparto da solo, Comini con un campo così non può esprimere al meglio le sue caratteristiche, ma è comunque costantemente insidioso. Ciò che manca ancora è una maggior cattiveria sotto rete: ancora troppe le occasioni sbagliate sotto porta.

Ora giusto il tempo di riposarsi un pò e poi tutti in partenza per Carrara, per la gara infrasettimanale di Mercoledì 12 contro la formazione di Mr Sottili. L’Andria va in Toscana forte dei tre punti conquistati, ma troverà una Carrarese avvelenata per la sconfitta interna contro il Frosinone (0-1). La Carrarese ha 9 punti come noi, ma frutto di 3 vittorie e 3 sconfitte, con 9 gol fatti e altrettanti subiti. Una squadra senza mezzi termini dunque, che gioca a viso aperto… o la va o la spacca, e che cercherà di tornare a far punti contro l’Andria per far fruttare al meglio il doppio turno casalingo. Direi che sia giunto in momento che tolgano quello 0 dalla casella pareggi… che ne dite?

Scherzi apparte si andrà a Carrara cercando di far la propria gara, forti di una classifica positiva, ma pronti a dal battaglia per incamerare punti salvezza il prima possibile.

 

Clicca qui per visualizzare risultati e classifica della 6a Giornata della I Divisone/B

 

Video: http://www.tvprato.it/archives/28988

 

Potresti anche essere interessato a:

Il Procuratore Palazzi chiede quattro anni di squalifica per Spadavecchia

“Dopo 5 giornate e 6 punti conquistati sei soddisfatto del cammino dell’Andria finora?”: Vincono i Molto soddisfatti!

Andria v Prato: La prima di tre gare in otto giorni